I “Gretini” di Bruxelles impegnati nella riforma della Politica Agricola Comune, danno il via libera ad “annacquare” il vino, in nome della sostenibilità ambientale e in difesa della salute dei cittadini. Oltre al vino da tavola, si potrà allungare anche quello Igp. Insomma, il famoso vino con l’acqua che si dava alla nonna, per non farla straparlare a cena. Questo è solo l’ultimo degli attacchi alla millenaria cultura europea. Precedentemente era stata dichiarata guerra al consumo di carne rossa, dei salumi e del parmigiano. I primi due ritenuti cancerogeni. Il “via libera” riguarda anche il consumo di insetti, ritenuti ricchi di proteine e a basso impatto ambientale. A breve potremo metterci a tavola, davanti ad una bella frittura di cavallette o di larve della farina, pasteggiando con un buon Chianti annacquato chissà, al 50, 60 o 70%? Questo è ancora da stabilire.

Di staff